I NUMERI SONO LO STRUMENTO MIGLIORE PER RACCONTARE LA REALTÀ.

2340900
i nostri iscritti
268

morti sul lavoro
gennaio - aprile 2024

763000

disoccupati 15-34 anni (primo quadrimestre 2024)

80%

Rapporti di lavoro a termine attivati a favore di giovani (max 29 anni).
(Fonte INPS, riferimento 2023)

7000000
lavoratori in attesa del rinnovo del contratto
iscriviti alla newsletter
×
Resta sempre aggiornato
Iscriviti alla Newsletter
Notiziario Live
Mi piace!
0%
Sono perplesso
0%
È triste
0%
Mi fa arrabbiare
0%
È fantastico!!!
0%

Società e Cultura | 21.06.2024

Mi piace!
0%
Sono perplesso
0%
È triste
0%
Mi fa arrabbiare
0%
È fantastico!!!
0%

Società e Cultura | 20.06.2024

Social TerzoMillennio
Servizi UIL
Dalle Categorie
Dai Territori
Dai Social
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

🔵 “…A Latina va chiusa l'azienda e arrestato il titolare. Gli incidenti che abbiamo registrato in questi giorni non sono incidenti, sono omicidi.
Le tragiche morti sul lavoro di questi giorni provano che siamo di fronte un'emergenza continua, una guerra civile di cui Governo fa finta di non accorgersi…”

📌 “…Fino ad ora le risposte che abbiamo ricevuto sono insufficienti. Ci sono pochissimi ispettori e controlli. In più, il problema è anche dopo gli incidenti. Infatti abbiamo chiesto una procura speciale e l'istituzione dell'omicidio sul lavoro. Ma, per ora, il Ministro Nordio si è limitato solo all'omicidio nautico e la politica rimane fredda alle nostre richieste…”

⚠️ “… Il 28 faremo una conferenza stampa nella quale verrà anche la mamma di Luana D'Orazio per dimostrare che i familiari di chi è morto sul lavoro non hanno giu-stizia… Abbiamo portato
1.040 bare in giro per l'Italia… c’è una volontà politica che deve svegliarsi…"
Leggi l'intervista al Segretario Generale Pier Paolo Bombardieri qui: https://lanotiziagiornale.it/morti-sul-lavoro-e-un…
... Vedi altroVedi meno

🔵 “…A Latina va chiusa lazienda e arrestato il titolare. Gli incidenti che abbiamo registrato in questi giorni non sono incidenti, sono omicidi.
Le tragiche morti sul lavoro di questi giorni provano che siamo di fronte unemergenza continua, una guerra civile di cui Governo fa finta di non accorgersi…”

📌 “…Fino ad ora le risposte che abbiamo ricevuto sono insufficienti. Ci sono pochissimi ispettori e controlli. In più, il problema è anche dopo gli incidenti. Infatti abbiamo chiesto una procura speciale e listituzione dellomicidio sul lavoro. Ma, per ora, il Ministro Nordio si è limitato solo allomicidio nautico e la politica rimane fredda alle nostre richieste…”

⚠️ “… Il 28 faremo una conferenza stampa nella quale verrà anche la mamma di Luana DOrazio per dimostrare che i familiari di chi è morto sul lavoro non hanno giu-stizia… Abbiamo portato
1.040 bare in giro per lItalia… c’è una volontà politica che deve svegliarsi…
Leggi lintervista al Segretario Generale Pier Paolo Bombardieri qui: https://www.lanotiziagiornale.it/morti-sul-lavoro-e-una-guerra-civile-e-il-governo-fa-finta-di-nulla-parla-il-segretario-della-uil-bombardieri/

‼ Troviamo sconcertante che il DPCM sulla privatizzazione di Poste italiane non sia stato accompagnato da una relazione tecnica. Un’anomalia che non è casuale, forse perché la relazione avrebbe rilevato l’irragionevolezza e la non convenienza di questa operazione.

💸 Si sta svendendo un’azienda che è una colonna portante di questo Paese per nulla. Per 4,3 miliardi, rinunci a 2,2 miliardi in 7 anni e in 15 hai completamente esaurito il beneficio di questa operazione e non hai più Poste, non hai più un asset strategico in un momento in cui il mercato della corrispondenza sta diventando così importante.

Pensiamo invece che il Governo cerchi di recuperare i soldi che servono per la Manovra, vendendo tutto ciò che si può vendere senza guardare al futuro.

Chiarite al popolo italiano quali scelte farà il governo ora che non ci sono più tornate elettorali. Non proponete ai dipendenti di Poste se vogliono comprare azioni, perché questo già lo possono fare, rinnovate loro i contratti e alzate i salari.

🔵 Fermate questa vendita di un asset strategico del Paese e l’ennesimo monopolio che ne conseguirà con un mercato del lavoro senza regole!

Ne abbiamo parlato oggi in conferenza stampa con il Segretario generale della UILposte Segreteria Nazionale Claudio Solfaroli Camillocci e Fabio Piacenti, Presidente EURES e autore della relazione sulla privatizzazione di Poste.
... Vedi altroVedi meno

‼ Troviamo sconcertante che il DPCM sulla privatizzazione di Poste italiane non sia stato accompagnato da una relazione tecnica. Un’anomalia che non è casuale, forse perché la relazione avrebbe rilevato l’irragionevolezza e la non convenienza di questa operazione.

💸 Si sta svendendo un’azienda che è una colonna portante di questo Paese per nulla. Per 4,3 miliardi, rinunci a 2,2 miliardi in 7 anni e in 15 hai completamente esaurito il beneficio di questa operazione e non hai più Poste, non hai più un asset strategico in un momento in cui il mercato della corrispondenza sta diventando così importante.  

Pensiamo invece che il Governo cerchi di recuperare i soldi che servono per la Manovra, vendendo tutto ciò che si può vendere senza guardare al futuro.

Chiarite al popolo italiano quali scelte farà il governo ora che non ci sono più tornate elettorali. Non proponete ai dipendenti di Poste se vogliono comprare azioni, perché questo già lo possono fare, rinnovate loro i contratti e alzate i salari. 

🔵 Fermate questa vendita di un asset strategico del Paese e l’ennesimo monopolio che ne conseguirà con un mercato del lavoro senza regole! 

Ne abbiamo parlato oggi in conferenza stampa con il Segretario generale della UILposte Segreteria Nazionale Claudio Solfaroli Camillocci e Fabio Piacenti, Presidente EURES e autore della relazione sulla privatizzazione di Poste.

💙 La UIL è una comunità, lo abbiamo detto in occasione dell’annuale corso di formazione FenealUil Nazionale.

Ognuno di noi prima di esser un segretario è un delegato!!!

La Uil è una comunità che condivide valori e questi ci portano ad essere insieme anche in tarda serata per una passione, uno spirito di sacrificio comune dedicandoci agli altri.

Le nostre idee, le nostre proposte e le nostre azioni sono al centro del dibattito del Paese. Per tante nostre battaglie siamo partiti da soli ma poi siamo riusciti a renderle di tutti.
Qualche esempio? La nostra battaglia sulla sicurezza durante il Covid è diventata una battaglia del Paese.
Le nostre rivendicazioni sul patto di stabilità lanciate 3 anni fa sono oggi le rivendicazioni di tutti.

💪 Ma queste battaglie sono le battaglie dei nostri iscritti, gli unici ai quali rispondiamo perché sono la nostra rappresentanza ed anche per questo, oggi, le nostre bandiere sono sempre di più e sempre tenute in alto perché c’è l’orgoglio di appartenere alla nostra organizzazione.

Come fare arrivare i nostri messaggi a tutti andando oltre gli strumenti del sindacato, a chi non è sindacalizzato? Con strumenti e metodi di comunicazione che si aggiungono ai nostri, immagini e azioni che rappresentino le persone arrivando a tutti, così come lo è stato con le mille bare che abbiamo portato nelle piazze. Iniziativa senza precedenti così come notato, ed evidenziato, dalla stampa estera in ogni parte del mondo.

Utilizziamo la fantasia per aggiungere elementi alla nostra comunicazione, per arrivare a tutti e a chi non è iscritto al sindacato.

🌎 Dobbiamo esser tutti: Sindacato delle Persone.
... Vedi altroVedi meno

💙 La UIL è una comunità, lo abbiamo detto in occasione dell’annuale corso di formazione FenealUil Nazionale.

Ognuno di noi prima di esser un segretario è un delegato!!!

La Uil è una comunità che condivide valori e questi ci portano ad essere insieme anche in tarda serata per una passione, uno spirito di sacrificio comune dedicandoci agli altri.

Le nostre idee, le nostre proposte e le nostre azioni sono al centro del dibattito del Paese. Per tante nostre battaglie siamo partiti da soli ma poi siamo riusciti a renderle di tutti.
Qualche esempio? La nostra battaglia sulla sicurezza durante il Covid è diventata una battaglia del Paese.
Le nostre rivendicazioni sul patto di stabilità lanciate 3 anni fa sono oggi le rivendicazioni di tutti. 

💪 Ma queste battaglie sono le battaglie dei nostri iscritti, gli unici ai quali rispondiamo perché sono la nostra rappresentanza ed anche per questo, oggi, le nostre bandiere sono sempre di più e sempre tenute in alto perché c’è l’orgoglio di appartenere alla nostra organizzazione.

Come fare arrivare i nostri messaggi a tutti andando oltre gli strumenti del sindacato, a chi non è sindacalizzato? Con strumenti e metodi di comunicazione che si aggiungono ai nostri, immagini e azioni che rappresentino le persone arrivando a tutti, così come lo è stato con le mille bare che abbiamo portato nelle piazze. Iniziativa senza precedenti così come notato, ed evidenziato, dalla stampa estera in ogni parte del mondo.

Utilizziamo la fantasia per aggiungere elementi alla nostra comunicazione, per arrivare a tutti e a chi non è iscritto al sindacato.

🌎 Dobbiamo esser tutti: Sindacato delle Persone.

La vicenda del bracciante indiano, mutilato da un incidente sul lavoro, abbandonato e lasciato morire, è raccapricciante e suscita sgomento. Una barbarie che calpesta il rispetto della vita e inabissa ogni valore di civiltà portando dietro di sé sfruttamento e disumanità.

La piaga del caporalato, ancora una volta, mostra tutta la sua atrocità. Continuiamo a chiedere l’istituzione di una Procura speciale e la previsione, nel nostro ordinamento, del reato di omicidio sul lavoro.

In materia di caporalato, inoltre, già lo scorso febbraio, in occasione di un incontro col Governo e con la Ministra del Lavoro abbiamo chiesto misure più forti, per rendere più efficace ed efficiente l'applicazione dell'articolo 603-bis riguardante, in particolare, il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Considerata la particolare rilevanza sociale del problema, una strada percorribile sarebbe quella di trasferire la competenza alle Procure distrettuali che hanno strumenti di indagine e risorse più adeguate ad affrontare il problema. Richieste su cui il Governo si era riservato di riflettere, ma che sembrano, poi, essere cadute nel vuoto.
... Vedi altroVedi meno

La vicenda del bracciante indiano, mutilato da un incidente sul lavoro, abbandonato e lasciato morire, è raccapricciante e suscita sgomento. Una barbarie che calpesta il rispetto della vita e inabissa ogni valore di civiltà portando dietro di sé sfruttamento e disumanità.

La piaga del caporalato, ancora una volta, mostra tutta la sua atrocità. Continuiamo a chiedere l’istituzione di una Procura speciale e la previsione, nel nostro ordinamento, del reato di omicidio sul lavoro. 

In materia di caporalato, inoltre, già lo scorso febbraio, in occasione di un incontro col Governo e con la Ministra del Lavoro abbiamo chiesto misure più forti, per rendere più efficace ed efficiente lapplicazione dellarticolo 603-bis riguardante, in particolare, il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. 

Considerata la particolare rilevanza sociale del problema, una strada percorribile sarebbe quella di trasferire la competenza alle Procure distrettuali che hanno strumenti di indagine e risorse più adeguate ad affrontare il problema. Richieste su cui il Governo si era riservato di riflettere, ma che sembrano, poi, essere cadute nel vuoto.

🎬 Oggi sono venuti a trovarci molti volti noti del mondo del cinema e dello spettacolo e sono i protagonisti dell’associazione Unita, che rappresenta più di 1900 attori italiani.

Unita è con la Uil, grazie all'accordo di affiliazione siglato recentemente tramite la Uilcom Nazionale.

Solo il primo di tanti incontri che ci saranno per discutere delle prerogative sul rinnovo dei contratti degli attori e per capire come agire al meglio per le lavoratrici e i lavoratori del settore con chi conosce bene, e da vicino, il mondo dello spettacolo.

👌 La famiglia della UIL si allarga ed è stato davvero un piacere accogliere questi talenti, iniziare insieme dei progetti e discutere anche di sicurezza sul lavoro. L’incontro si è concluso con la loro adesione alla nostra campagna Zero Morti Sul Lavoro!
... Vedi altroVedi meno

🎬 Oggi sono venuti a trovarci molti volti noti del mondo del cinema e dello spettacolo e sono i protagonisti dell’associazione Unita, che rappresenta più di 1900 attori italiani.

Unita è con la Uil, grazie allaccordo di affiliazione siglato recentemente tramite la Uilcom Nazionale.

Solo il primo di tanti incontri che ci saranno per discutere delle prerogative sul rinnovo dei contratti degli attori e per capire come agire al meglio per le lavoratrici e i lavoratori del settore con chi conosce bene, e da vicino, il mondo dello spettacolo.

👌 La famiglia della UIL si allarga ed è stato davvero un piacere accogliere questi talenti, iniziare insieme dei progetti e discutere anche di sicurezza sul lavoro. L’incontro si è concluso con la loro adesione alla nostra campagna Zero Morti Sul Lavoro!

🔵🔵🔵 Ripercorriamo insieme una parte importante della storia della nostra organizzazione!

Siamo alla presentazione del libro “Diario di un «Mediano». Un'altra storia: dal 1971 al 2020” scritto da Antonio Foccillo, già Segretario Confederale UIL.

🗣️ Sono con noi, oltre all’autore, il Presidente della Fondazione Bruno Buozzi Giorgio Benvenuto, il giornalista Beppe Scanni, l’attrice e regista Marianna Adamo.

Seguite la diretta sulla Pagina Facebook della Uil!
... Vedi altroVedi meno

🔵🔵🔵 Ripercorriamo insieme una parte importante della storia della nostra organizzazione!

Siamo alla presentazione del libro “Diario di un «Mediano». Unaltra storia: dal 1971 al 2020” scritto da Antonio Foccillo, già Segretario Confederale UIL.

🗣️ Sono con noi, oltre all’autore, il Presidente della Fondazione Bruno Buozzi Giorgio Benvenuto, il giornalista Beppe Scanni, l’attrice e regista Marianna Adamo.

Seguite la diretta sulla Pagina Facebook della Uil!

🇪🇺🇺🇸 Abbiamo incontrato Jack Markell, Ambasciatore degli Stati Uniti a Roma.

È stato un confronto cordiale e costruttivo sulla situazione economica e sociale nel nostro Paese e in Europa, sulle sfide poste dalla transizione verde e sugli investimenti necessari. Abbiamo evidenziato, in particolare, le preoccupazioni derivanti dalla precarietà lavorativa, dal fenomeno del lavoro povero e dalle condizioni di poca sicurezza sul lavoro.

🔵 Abbiamo anche discusso delle tante sfide comuni che riguardano l’Ue e gli Usa: dalla regolamentazione dell’intelligenza artificiale all’approvazione definitiva della tassazione minima sulle multinazionali. Sfide, queste che vedono la nostra Organizzazione in prima linea all’interno del sindacato mondiale e dell’Ocse.

U.S. Embassy to Italy - Ambasciata Americana a Roma
... Vedi altroVedi meno

🇪🇺🇺🇸 Abbiamo incontrato Jack Markell, Ambasciatore degli Stati Uniti a Roma.

È stato un confronto cordiale e costruttivo sulla situazione economica e sociale nel nostro Paese e in Europa, sulle sfide poste dalla transizione verde e sugli investimenti necessari. Abbiamo evidenziato, in particolare, le preoccupazioni derivanti dalla precarietà lavorativa, dal fenomeno del lavoro povero e dalle condizioni di poca sicurezza sul lavoro.

🔵 Abbiamo anche discusso delle tante sfide comuni che riguardano l’Ue e gli Usa: dalla regolamentazione dell’intelligenza artificiale all’approvazione definitiva della tassazione minima sulle multinazionali. Sfide, queste che vedono la nostra Organizzazione in prima linea all’interno del sindacato mondiale e dell’Ocse.

U.S. Embassy to Italy - Ambasciata Americana a Roma

🔵 È partito a Lamezia Terme, in Calabria, il primo corso della Scuola di Alta Formazione Antimafia, il progetto promosso dalla Uil in collaborazione con l’Associazione Antimafia #Noi, presieduta da Massimo Coluzzi e di cui è Presidente onoraria, la giornalista di Repubblica, Federica Angeli, nota per il suo lavoro di inchiesta contro la mafia romana.

Non a caso abbiamo iniziato dalla Calabria con due obiettivi: non arrenderci e dare, a tutti noi, gli strumenti per conoscerla.

La mafia è cambiata, non è più solo quella dei trafficanti di droga, ma oggi ha veri e propri broker economico-finanziari. Dobbiamo essere degli aggregatori di forza, coraggio e di voglia di fare una battaglia sino in fondo con la stragrande maggioranza di persone oneste.

Io ringrazio Federica per il percorso che abbiamo iniziato con la sua associazione. Partendo da questa regione, ringraziando le nostre strutture UIL e la Segretaria Maria Elena Senese, ma arrivare in tutta Italia dove le mafie reinvestono e riciclano le varie risorse che giungono dai proventi illeciti.
Non abbiamo deciso di appaltare il problema alle associazioni antimafia perché la battaglia, contro le mafie, va fatta ogni giorno e la dobbiamo fare tutti insieme con Federica, con Gratteri e con Giovanni Bombardieri che sono le persone che,sin dall’inizio, hanno condiviso il nostro percorso.

Ogni giorno dobbiamo parlarne, perché il silenzio è la peggior cosa. Dobbiamo costruire quella massa critica che deve esistere ed esiste.

Noi non possiamo accettare che nessuna delle vite, che ogni giorno lotta, possa perdere la vita. La battaglia sarà lunga e coloro che sono con noi ci perdonerebbero un eventuale sconfitta, ma non perdonerebbero mai un’eventuale resa!!!

Federica Angeli Uil Calabria
... Vedi altroVedi meno

🔵 È partito a Lamezia Terme, in Calabria, il primo corso della Scuola di Alta Formazione Antimafia, il progetto promosso dalla Uil in collaborazione con l’Associazione Antimafia #Noi, presieduta da Massimo Coluzzi e di cui è Presidente onoraria, la giornalista di Repubblica, Federica Angeli, nota per il suo lavoro di inchiesta contro la mafia romana.

Non a caso abbiamo iniziato dalla Calabria con due obiettivi: non arrenderci e dare, a tutti noi, gli strumenti per conoscerla.

La mafia è cambiata, non è più solo quella dei trafficanti di droga, ma oggi ha veri e propri broker economico-finanziari. Dobbiamo essere degli aggregatori di forza, coraggio e di voglia di fare una battaglia sino in fondo con la stragrande maggioranza di persone oneste.

Io ringrazio Federica per il percorso che abbiamo iniziato con la sua associazione. Partendo da questa regione, ringraziando le nostre strutture UIL e la Segretaria Maria Elena Senese, ma arrivare in tutta Italia dove le mafie reinvestono e riciclano le varie risorse che giungono dai proventi illeciti. 
Non abbiamo deciso di appaltare il problema alle associazioni antimafia perché la battaglia, contro le mafie, va fatta ogni giorno e la dobbiamo fare tutti insieme con Federica, con Gratteri e con Giovanni Bombardieri che sono le persone che,sin dall’inizio, hanno condiviso il nostro percorso.

Ogni giorno dobbiamo parlarne, perché il silenzio è la peggior cosa. Dobbiamo costruire quella massa critica che deve esistere ed esiste. 

Noi non possiamo accettare che nessuna delle vite, che ogni giorno lotta, possa perdere la vita. La battaglia sarà lunga e coloro che sono con noi ci perdonerebbero un eventuale sconfitta, ma non perdonerebbero mai un’eventuale resa!!!

Federica Angeli Uil Calabria

🔵 CHE SIGNIFICA FARE SINDACATO?

Significa fare una scelta personale, una scelta di vita: quella di essere dalla parte dei piu deboli, di chi ha bisogno di una mano. E' un impegno verso il prossimo.

Fa parte di questo nostro impegno anche l'obiettivo di investire in voi giovani e non solo in senso economico. Infatti, diventare il Sindacato delle Persone per noi significa confrontarci e dialogare con le nuove generazioni. Perché lavoriamo non tanto per noi ma per chi verrà dopo di noi.

E chi verrà dopo di noi siete voi ragazzi.

Sapete bene che nulla è scontato quando si parla di diritti. Lo vediamo oggi in Italia. Nel sindacato è lo stesso. Come in un qualsiasi sistema, chi detiene il potere è conservatore. Invece voi dovete smontare questo sistema, discutere, farvi sentire.

Quindi questi corsi di formazione che ormai portiamo avanti da tanti anni non servono solo a spiegarvi come si fa sindacato, ma per sapere da voi di cosa avete bisogno, per dare spazio a voi che siete chi può modificare la nostra organizzazione.

Voi siete la prova che non si può dire che i giovani non hanno voglia di lavorare o di fare. Non è vero. Anzi siamo noi che abbiamo il compito di ascoltarvi e costruire insieme un Paese migliore.

Questo è lo spirito di Go Beyond.
Non fermatevi mai, non arrendetevi mai. Date fastidio.
Auguri e buona lotta!
... Vedi altroVedi meno

🔵 CHE SIGNIFICA FARE SINDACATO?

Significa fare una scelta personale, una scelta di vita: quella di essere dalla parte dei piu deboli, di chi ha bisogno di una mano. E un impegno verso il prossimo.

Fa parte di questo nostro impegno anche lobiettivo di investire in voi giovani e non solo in senso economico. Infatti, diventare il Sindacato delle Persone per noi significa confrontarci e dialogare con le nuove generazioni. Perché lavoriamo non tanto per noi ma per chi verrà dopo di noi.

E chi verrà dopo di noi siete voi ragazzi. 

Sapete bene che nulla è scontato quando si parla di diritti. Lo vediamo oggi in Italia. Nel sindacato è lo stesso. Come in un qualsiasi sistema, chi detiene il potere è conservatore. Invece voi dovete smontare questo sistema, discutere, farvi sentire.

Quindi questi corsi di formazione che ormai portiamo avanti da tanti anni non servono solo a spiegarvi come si fa sindacato, ma per sapere da voi di cosa avete bisogno, per dare spazio a voi che siete chi può modificare la nostra organizzazione.

Voi siete la prova che non si può dire che i giovani non hanno voglia di lavorare o di fare. Non è vero. Anzi siamo noi che abbiamo il compito di ascoltarvi e costruire insieme un Paese migliore.

Questo è lo spirito di Go Beyond.
Non fermatevi mai, non arrendetevi mai. Date fastidio. 
Auguri e buona lotta!

💙 Oggi siamo stati all’evento ITAL NEXT GEN: un corso di formazione con tantissimi ragazzi e ragazze e questa è la prova di quanto noi crediamo in loro!!!

➡️ Noi non siamo eterni per questo siamo certi che loro rappresentino il futuro della nostra organizzazione. Non abbiamo organizzato un corso di formazione classico, come quello di un’azienda qualsiasi che fornisce una preparazione tecnica, ma abbiamo voluto ascoltarli per capire le loro aspettative per il domani, perché vogliamo che siano loro a sollecitarci per rappresentarli al meglio. Questo era l’aspetto più importante quando abbiamo deciso di diventare il sindacato delle persone.

🗣️Con loro, abbiamo riflettuto su quanto i loro coetanei non possano permettersi un mutuo, un finanziamento o avere dei figli. Abbiamo parlato di quelle persone - donne, uomini o bambini - che scappano con imbarcazioni di fortuna dai loro paesi e da situazioni drammatiche e di cui nessuno parla, perché politicamente non se ne deve parlare. Abbiamo parlato di tutti quei fantasmi della società che facciamo finta di non vedere e che vogliamo tornino persone, rilanciando la nostra nuova campagna NO AI LAVORATORI FANTASMA!

📢 Una campagna che non dimentica neanche tutti quei ragazzi o ragazze che ricevono offerte vergognose e indecenti di cui abbiamo le prove. Offerte che prevedono turni massacranti e paghe da fame. Per noi quando i giovani le rifiutano fanno benissimo: difendono la loro dignità di persone!

Cari ragazzi, non omologatevi, non permettete a nessuno di tarpare le ali dei vostri sogni. Noi saremo al vostro fianco, a sostenervi e tutelarvi perché è questa la storia della nostra organizzazione!
... Vedi altroVedi meno

💙 Oggi siamo stati all’evento ITAL NEXT GEN: un corso di formazione con tantissimi ragazzi e ragazze e questa è la prova di quanto noi crediamo in loro!!!
 
➡️ Noi non siamo eterni per questo siamo certi che loro rappresentino il futuro della nostra organizzazione. Non abbiamo organizzato un corso di formazione classico, come quello di un’azienda qualsiasi che fornisce una preparazione tecnica, ma abbiamo voluto ascoltarli per capire le loro aspettative per il domani, perché vogliamo che siano loro a sollecitarci per rappresentarli al meglio. Questo era l’aspetto più importante quando abbiamo deciso di diventare il sindacato delle persone. 

🗣️Con loro, abbiamo riflettuto su quanto i loro coetanei non possano permettersi un mutuo, un finanziamento o avere dei figli. Abbiamo parlato di quelle persone - donne, uomini o bambini - che scappano con imbarcazioni di fortuna dai loro paesi e da situazioni drammatiche e di cui nessuno parla, perché politicamente non se ne deve parlare. Abbiamo parlato di tutti quei fantasmi della società che facciamo finta di non vedere e che vogliamo tornino persone, rilanciando la nostra nuova campagna NO AI LAVORATORI FANTASMA! 

📢 Una campagna che non dimentica neanche tutti quei ragazzi o ragazze che ricevono offerte vergognose e indecenti di cui abbiamo le prove. Offerte che prevedono turni massacranti e paghe da fame. Per noi quando i giovani le rifiutano fanno benissimo: difendono la loro dignità di persone!  

Cari ragazzi, non omologatevi, non permettete a nessuno di tarpare le ali dei vostri sogni. Noi saremo al vostro fianco, a sostenervi e tutelarvi perché è questa la storia della nostra organizzazione!
Load more
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

🔵 Anche quest’anno festeggeremo il nostro grande Sindacato!

➡️La terza edizione della Festa nazionale UIL si svolgerà a Firenze, il 5 e il 6 luglio. In Piazza SS. Annunziata, eventi politici e ludici riempiranno due importanti giornate di aggregazione e dibattito per continuare a costruire insieme il sindacato delle Persone!

Presto i dettagli del Programma!
... Vedi altroVedi meno

🔵 Anche quest’anno festeggeremo il nostro grande Sindacato! 

➡️La terza edizione della Festa nazionale UIL si svolgerà a Firenze, il 5 e il 6 luglio. In Piazza SS. Annunziata, eventi politici e ludici riempiranno due importanti giornate di aggregazione e dibattito per continuare a costruire insieme il sindacato delle Persone!

Presto i dettagli del Programma!

Non rimandare quella visita medica,
Ti aiuta la UIL con UniSalute!

Per tutti gli iscritti e le iscritte alla UIL, e i loro cari, è riservato uno sconto fino al 20% per le polizze Salute.

Potrai accedere a quelle che più soddisfano le tue esigenze: se devi affrontare un ricovero, un rimborso per spese mediche o per avere una tutela in caso di invalidità da malattia.

Per saperne di più clicca qui👉🏻

💙Con UIL Convenzioni sempre al tuo fianco hai una ragione in più per unirti a noi!
... Vedi altroVedi meno

Non rimandare quella visita medica, 
Ti aiuta la UIL con UniSalute! 

Per tutti gli iscritti e le iscritte alla UIL, e i loro cari, è riservato uno sconto fino al 20% per le polizze Salute.

Potrai accedere a quelle che più soddisfano le tue esigenze: se devi affrontare un ricovero, un rimborso per spese mediche o per avere una tutela in caso di invalidità da malattia.
 
Per saperne di più clicca qui👉🏻https://www.uil.it/uilconvenzioni/

💙Con UIL Convenzioni sempre al tuo fianco hai una ragione in più per unirti a noi!

💪 È stato un grande successo quello ottenuto dalla UIL Scuola Rua nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione: passando da zero a quattro seggi, con 100mila voti al proprio attivo, è il sindacato che ha fatto registrare la crescita più consistente.

Questo eccezionale risultato è la testimonianza concreta dell’efficacia del lavoro svolto per la rappresentanza e la tutela dei diritti dei lavoratori, anche del settore scolastico, e della fiducia che essi ripongono nella validità, nel coraggio e nella coerenza delle proposte avanzate e sostenute.

Peraltro, la presenza nel Consiglio di un rappresentante per ogni grado della scuola dell'obbligo consentirà di esprimere con forza le nostre posizioni e di influenzare le decisioni che verranno prese riguardo alla scuola, un pilastro per il futuro del Paese, che deve tornare a essere una priorità nelle politiche governative.

A tutti i candidati, ai segretari regionali, territoriali, alle Rsu e a tutti coloro che ci hanno dato fiducia va il nostro ringraziamento; agli eletti, il nostro in bocca al lupo”.

➡ (PierPaolo Bombardieri, Segretario generale UIL)
... Vedi altroVedi meno

💪 È stato un grande successo quello ottenuto dalla UIL Scuola Rua nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione: passando da zero a quattro seggi, con 100mila voti al proprio attivo, è il sindacato che ha fatto registrare la crescita più consistente. 

Questo eccezionale risultato è la testimonianza concreta dell’efficacia del lavoro svolto per la rappresentanza e la tutela dei diritti dei lavoratori, anche del settore scolastico, e della fiducia che essi ripongono nella validità, nel coraggio e nella coerenza delle proposte avanzate e sostenute. 

Peraltro, la presenza nel Consiglio di un rappresentante per ogni grado della scuola dellobbligo consentirà di esprimere con forza le nostre posizioni e di influenzare le decisioni che verranno prese riguardo alla scuola, un pilastro per il futuro del Paese, che deve tornare a essere una priorità nelle politiche governative. 

A tutti i candidati, ai segretari regionali, territoriali, alle Rsu e a tutti coloro che ci hanno dato fiducia va il nostro ringraziamento; agli eletti, il nostro in bocca al lupo”.

➡ (PierPaolo Bombardieri, Segretario generale UIL)

☀️ Siamo di nuovo punto e a capo: in ritardo costante sui temi di salute e sicurezza e con Associazioni datoriali che nascondono la testa sotto la sabbia, mentre le lavoratrici e i lavoratori esposti alle alte temperature rischiano la vita. Anche sul caldo, incontro tardivo e inconcludente, quello di oggi al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Da almeno 3 mesi, in tutti i tavoli con il Ministero del Lavoro, anche in quelli tecnici, la Uil ha chiesto di convocare il tavolo “emergenza caldo”. Siamo al 20 giugno e le alte temperature sono già esplose in gran parte d’Italia. Il Ministero ha riproposto il protocollo dell’anno scorso, che le parti datoriali non volevano e non vogliono sottoscrivere neppure oggi. Nulla di nuovo quindi, purtroppo.

🔵 E invece noi come un anno fa, ribadiamo che l’unica efficace è proprio una risposta sistemica. Innanzitutto, perché dobbiamo andare oltre la logica dei settori, che limita il perimetro alle persone che lavorano nell’agricoltura e nell’edilizia: e i postini? E i rider? E tutti coloro che lavorano nella ristorazione, dove quasi mai esiste la climatizzazione nelle cucine? Serve una base comune, che deve essere chiara e cogente; poi, le categorie possono sottoscrivere protocolli specifici di settore, per realizzare ulteriori passi avanti.
La Uil ha chiesto di rendere strutturale la possibilità di accesso agli ammortizzatori sociali per i settori interessati, anche per le lavoratrici e i lavoratori stagionali, in particolare per l’agricoltura.

Inoltre, qualora non si modifichino gli orari di lavoro o l’organizzazione del lavoro per proteggere lavoratrici e lavoratori, riteniamo che si debba obbligatoriamente porre il personale dipendente in ammortizzatore sociale, al raggiungimento della temperatura massima effettiva o percepita già prevista: su questo punto chiediamo che ci sia un automatismo. Per noi il protocollo è un punto di partenza, per rendere effettivi gli obblighi che già hanno i datori di lavoro, gli Rspp, i medici competenti con la sorveglianza sanitaria, ma spesso sono norme disapplicate. E spesso non vengono consegnati i Dpi minimi, dall’acqua alla crema solare.

Proprio nell’ottica di un fenomeno sistemico e non emergenziale, la Uil chiede di identificare i decessi o gli infortuni sul lavoro dovuti al caldo non come semplici malori. Occorre, inoltre, individuare i lavoratori fragili, particolarmente a rischio a causa delle alte temperature, per i quali è necessario garantire una protezione simile a quella predisposta durante la pandemia da Covid-19. Un anno fa le parti datoriali hanno fatto naufragare la proposta di protocollo, oggi siamo ritornati alla casella del via.

‼ La nostra posizione non si è mossa di un millimetro e non intendiamo firmare per meno. Il nostro messaggio è chiaro: non può essere lasciata al datore di lavoro la decisione se tutelare o meno i propri lavoratori”.
(Ivana Veronese, Segretaria confederale UIL)
... Vedi altroVedi meno

☀️ Siamo di nuovo punto e a capo: in ritardo costante sui temi di salute e sicurezza e con Associazioni datoriali che nascondono la testa sotto la sabbia, mentre le lavoratrici e i lavoratori esposti alle alte temperature rischiano la vita. Anche sul caldo, incontro tardivo e inconcludente, quello di oggi al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Da almeno 3 mesi, in tutti i tavoli con il Ministero del Lavoro, anche in quelli tecnici, la Uil ha chiesto di convocare il tavolo “emergenza caldo”. Siamo al 20 giugno e le alte temperature sono già esplose in gran parte d’Italia. Il Ministero ha riproposto il protocollo dell’anno scorso, che le parti datoriali non volevano e non vogliono sottoscrivere neppure oggi. Nulla di nuovo quindi, purtroppo.

🔵 E invece noi come un anno fa, ribadiamo che l’unica efficace è proprio una risposta sistemica. Innanzitutto, perché dobbiamo andare oltre la logica dei settori, che limita il perimetro alle persone che lavorano nell’agricoltura e nell’edilizia: e i postini? E i rider? E tutti coloro che lavorano nella ristorazione, dove quasi mai esiste la climatizzazione nelle cucine? Serve una base comune, che deve essere chiara e cogente; poi, le categorie possono sottoscrivere protocolli specifici di settore, per realizzare ulteriori passi avanti.
La Uil ha chiesto di rendere strutturale la possibilità di accesso agli ammortizzatori sociali per i settori interessati, anche per le lavoratrici e i lavoratori stagionali, in particolare per l’agricoltura. 

Inoltre, qualora non si modifichino gli orari di lavoro o l’organizzazione del lavoro per proteggere lavoratrici e lavoratori, riteniamo che si debba obbligatoriamente porre il personale dipendente in ammortizzatore sociale, al raggiungimento della temperatura massima effettiva o percepita già prevista: su questo punto chiediamo che ci sia un automatismo. Per noi il protocollo è un punto di partenza, per rendere effettivi gli obblighi che già hanno i datori di lavoro, gli Rspp, i medici competenti con la sorveglianza sanitaria, ma spesso sono norme disapplicate. E spesso non vengono consegnati i Dpi minimi, dall’acqua alla crema solare.

Proprio nell’ottica di un fenomeno sistemico e non emergenziale, la Uil chiede di identificare i decessi o gli infortuni sul lavoro dovuti al caldo non come semplici malori. Occorre, inoltre, individuare i lavoratori fragili, particolarmente a rischio a causa delle alte temperature, per i quali è necessario garantire una protezione simile a quella predisposta durante la pandemia da Covid-19. Un anno fa le parti datoriali hanno fatto naufragare la proposta di protocollo, oggi siamo ritornati alla casella del via. 

‼ La nostra posizione non si è mossa di un millimetro e non intendiamo firmare per meno. Il nostro messaggio è chiaro: non può essere lasciata al datore di lavoro la decisione se tutelare o meno i propri lavoratori”.
(Ivana Veronese, Segretaria confederale UIL)

𝐕𝐞𝐧𝐝𝐞𝐫𝐞 𝐏𝐨𝐬𝐭𝐞 𝐢𝐭𝐚𝐥𝐢𝐚𝐧𝐞 𝐬𝐢𝐠𝐧𝐢𝐟𝐢𝐜𝐚 𝐬𝐯𝐞𝐧𝐝𝐞𝐫𝐞 𝐮𝐧𝐚 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐧𝐨𝐬𝐭𝐫𝐨 𝐏𝐚𝐞𝐬𝐞.

La cessione del 29.26% delle azioni di Poste genereranno 4 miliardi, ma tra il 2024 ed il 2028 ci saranno 6.5 miliardi di utili. Verranno, quindi, vendute azioni a basso costo, di una società in piena salute, per acquisire risorse finanziarie totalmente inadeguate rispetto a quanto, questa vendita, ci farà perdere in utili nel quadriennio considerato.

‼ I dati dimostrano che è una scelta sbagliata dal punto di vista finanziario, economico e sociale e che ricadrà sugli italiani nei prossimi anni!

🎥 Alcune delle considerazioni del Segretario generale PierPaolo Bombardieri, del Segretario generale della UILposte Segreteria Nazionale Claudio Solfaroli Camillocci e Fabio Piacenti, Presidente EURES Job e autore della relazione sulla privatizzazione di Poste che abbiamo presentato poco fa durante la conferenza stampa presso la nostra sede nazionale.
... Vedi altroVedi meno

4 days ago
UIL - Unione Italiana del Lavoro

𝗣𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗶𝘇𝘇𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗽𝗼𝘀𝘁𝗲? 𝗡𝗼, 𝗴𝗿𝗮𝘇𝗶𝗲!!!
In diretta la conferenza stampa per presentare un report sul progetto di privatizzazione di Poste Italiane.
... Vedi altroVedi meno

𝗣𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗶𝘇𝘇𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗽𝗼𝘀𝘁𝗲? 𝗡𝗼, 𝗴𝗿𝗮𝘇𝗶𝗲!!!

Sta per inziare la conferenza stampa del Segretario generale della Uil, PierPaolo Bombardieri e del Segretario generale della UILposte Segreteria Nazionale, Claudio Solfaroli Camillocci, per presentare un report sul progetto di privatizzazione di Poste Italiane.

🎥 Puoi seguire la diretta sulla nostra pagina Facebook!
... Vedi altroVedi meno

𝗣𝗿𝗶𝘃𝗮𝘁𝗶𝘇𝘇𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗽𝗼𝘀𝘁𝗲? 𝗡𝗼, 𝗴𝗿𝗮𝘇𝗶𝗲!!!

Sta per inziare la conferenza stampa del Segretario generale della Uil, PierPaolo Bombardieri e del Segretario generale della UILposte Segreteria Nazionale, Claudio Solfaroli Camillocci, per presentare un report sul progetto di privatizzazione di Poste Italiane. 

🎥 Puoi seguire la diretta sulla nostra pagina Facebook!

🇮🇹🚫 La legge sull’autonomia differenziata approvata oggi, in via definitiva, dal Parlamento è una legge profondamente sbagliata che non dà prospettive di crescita sociale, economica e occupazionale all’intero territorio nazionale.

Si tratta di una norma che aumenterà le disuguaglianze, non solo tra Nord e Sud del Paese, ma anche tra aree urbane e aree interne dove sarà sempre più difficile o impossibile garantire i livelli essenziali delle prestazioni.

⁉️ Davvero pensiamo di rispondere alle sfide globali dell’economia con la creazione di 21 Regioni autonome che si occupano in via esclusiva di infrastrutture strategiche, energia, commercio con l’estero, lavoro, sicurezza sul lavoro, istruzione?
Per noi è intollerabile che la garanzia della fruizione dei diritti di cittadinanza avvenga sulla base del luogo di nascita o di residenza. Ed è impensabile mettere in discussione l’unitarietà del sistema educativo con il rischio di disaggregare anche i contratti nazionali di lavoro.

🔵 Per la Uil ci sono diritti fondamentali delle persone che non possono e non devono essere oggetto di autonomia differenziata: diritto all’istruzione, alla salute e sicurezza, al lavoro. Sono diritti centrali al pari di quelli civili del voto, della libertà, della partecipazione, del rispetto della dignità. Contrasteremo con tutte le forme democratiche a nostra disposizione l’applicazione di questa legge.

(Ivana Veronese, Segretaria confederale Uil)
... Vedi altroVedi meno

🇮🇹🚫 La legge sull’autonomia differenziata approvata oggi, in via definitiva, dal Parlamento è una legge profondamente sbagliata che non dà prospettive di crescita sociale, economica e occupazionale all’intero territorio nazionale.

Si tratta di una norma che aumenterà le disuguaglianze, non solo tra Nord e Sud del Paese, ma anche tra aree urbane e aree interne dove sarà sempre più difficile o impossibile garantire i livelli essenziali delle prestazioni.

⁉️ Davvero pensiamo di rispondere alle sfide globali dell’economia con la creazione di 21 Regioni autonome che si occupano in via esclusiva di infrastrutture strategiche, energia, commercio con l’estero, lavoro, sicurezza sul lavoro, istruzione?
Per noi è intollerabile che la garanzia della fruizione dei diritti di cittadinanza avvenga sulla base del luogo di nascita o di residenza. Ed è impensabile mettere in discussione l’unitarietà del sistema educativo con il rischio di disaggregare anche i contratti nazionali di lavoro.

🔵 Per la Uil ci sono diritti fondamentali delle persone che non possono e non devono essere oggetto di autonomia differenziata: diritto all’istruzione, alla salute e sicurezza, al lavoro. Sono diritti centrali al pari di quelli civili del voto, della libertà, della partecipazione, del rispetto della dignità. Contrasteremo con tutte le forme democratiche a nostra disposizione l’applicazione di questa legge.

(Ivana Veronese, Segretaria confederale Uil)

🎬 Oggi, presso la sede nazionale della UIL, il Segretario generale PierPaolo Bombardieri e il Segretario generale della Uilcom Salvo Ugliarolo, hanno incontrato Fabrizia Sacchi, Vittoria Puccini, Mia Benedetta, Francesca De Martini, Daniela Giordano Castorina, Paolo Calabresi, Giorgio Marchesi, Stefano Scherini, Pietro Sermonti, nomi ben noti nel mondo dello spettacolo e protagonisti dell’associazione Unita.

Unita, che rappresenta oltre 1900 attori, ha infatti firmato un protocollo di intesa con la Uilcom Nazionale per lavorare insieme per tutelare le lavoratrici e i lavoratori del mondo del cinema, del teatro e della televisione.
... Vedi altroVedi meno

Load more
Libreria
Sedi
Partecipa
Partner