Riscatto Laurea

2' di lettura
Mi piace!
0%
Sono perplesso
0%
È triste
0%
Mi fa arrabbiare
0%
È fantastico!!!
0%

28.11.2022

Per le nuove generazioni la pensione è un miraggio, ma per accelerare i tempi una speranza c’è: il riscatto della laurea.

Cos’è e come ottenerlo

Il riscatto della laurea è uno strumento grazie al quale poter valorizzare gli anni di studio universitari in anni contributivi ai fini pensionistici. Può essere richiesto da chiunque abbia conseguito un diploma di laurea o un titolo equiparato. Il vantaggio vien da sé: così si può conseguire ulteriore anzianità contributiva in modo da poter anticipare la pensione, aumentare l’importo e dedurre fiscalmente il contributo del riscatto. Non è comunque possibile riscattare anni fuori corso o periodi del corso di studi già coperti da contributi lavorativi.

L’onere del riscatto dipende dalla gestione previdenziale interessata e in base a dove si collocano i periodi di studio. Per gli anni accademici anteriori al 01/01/1996, quindi il periodo che riguarda il sistema retributivo, si applica il metodo della riserva matematica che può variare in base all’età e al periodo da riscattare. Per gli anni successivi al 01/01/1996, si considera l’aliquota contributiva in vigore alla data della presentazione della domanda, moltiplicata per la retribuzione annua negli ultimi 12 mesi.

Le differenze tra dipendenti pubblici e privati

A prescindere dalla tipologia di riscatto, non vi è l’obbligo di riscattare tutto il periodo di studio. Inoltre, se l’onere richiesto fosse ritenuto troppo alto, il richiedente potrebbe non effettuare il pagamento. Ma non solo. Ci sono delle differenze tra dipendenti privati e pubblici nelle opzioni di rateizzazione dell’onere stesso. Per i primi è possibile scegliere al momento della domanda in quante rate saldarlo: da una a un massimo di 120. Per il pubblico impiego, invece, la scelta sarà possibile solo al momento dell’emissione della delibera da parte dell’Inps. Infine, per il dipendente privato vicino alla decorrenza della pensione, vige l’obbligo di pagare tutto il riscatto entro la data di pensionamento. Al contrario, per il dipendente pubblico è concesso il pagamento dell’onere oltre la decorrenza pensionistica.

Per qualsiasi dubbio…

Si tratta di una materia complessa, ma allo stesso tempo molto utile su cui è bene tenersi informati. Ma non c’è nulla da temere. Se non hai ancora ben chiaro come fare per riscattare la tua laurea puoi rivolgerti al Patronato UIL e al nostro collega virtuale UILLI. Saremo sempre al tuo fianco, per ogni tuo bisogno.

Articoli Correlati