ISEE: Cos’è e come ottenerlo

2' di lettura
Mi piace!
0%
Sono perplesso
0%
È triste
0%
Mi fa arrabbiare
0%
È fantastico!!!
0%

02.01.2023

COS’E’

L’ISEE è l’indicatore sulla situazione economica dei nuclei familiari che intendono richiedere una prestazione sociale agevolata. L’accesso a queste prestazioni, infatti, come ai servizi di pubblica utilità a condizioni agevolate (telefono fisso, luce, gas, ecc.) è condizionato dal possesso di determinati requisiti soggettivi ed economici, sottoposti ai dovuti controlli. È uno strumento che viene calcolato dall’INPS sulla base di molti indicatori come reddito, patrimonio, membri della famiglia, disabilità, ecc.

COME OTTENERLO

Per ottenere la propria certificazione ISEE è necessario compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). Si tratta di un documento che contiene le informazioni di carattere anagrafico, reddituale e patrimoniale di un nucleo familiare.

COME PRESENTARE LA DSU?

La DSU può essere compilata online direttamente dall’interessato utilizzando il servizio dell’INPS, oppure può essere compilata e trasmessa attraverso i CAF. Per la precisione, è caratterizzata dalla presenza sia di dati precompilati forniti dall’Agenzia delle Entrate e dall’INPS, sia da quelli auto-dichiarati da parte del cittadino. Inoltre, é consentito l’aggiornamento dell’indicatore presentando il cosiddetto ISEE corrente. Questo prenderà come riferimento i redditi e/o i patrimoni relativi a un periodo di tempo più ravvicinato. 

ATTESTAZIONE CON OMISSIONI/DIFFORMITÀ

Qualora l’attestazione ISEE riporti talune omissioni o difformità è possibile alternativamente:

  • presentare domanda per la prestazione avvalendosi della stessa attestazione ISEE recante le omissioni o difformità. Tale dichiarazione è valida per l’erogazione della prestazione, ma gli enti erogatori hanno il diritto di richiedere l’eventuale documentazione utile a dimostrare la completezza e veridicità dei dati indicati;
  • Se le omissioni e difformità riguardano il patrimonio mobiliare, la documentazione va richiesta dal cittadino esclusivamente all’intermediario (Banca, Poste Italiane, ecc.) che ha comunicato i relativi dati all’Agenzia delle Entrate;
  • presentare una nuova DSU;
  • richiedere al CAF la rettifica della DSU, con effetto retroattivo, solo se le omissioni o difformità siano dovute a un errore degli stessi Centri di Assistenza Fiscale.

In conclusione…

L’ISEE, l’indicatore della situazione economica equivalente, è un prerequisito necessario per tutte quelle famiglie che hanno bisogno di fare domanda per sussidi, bonus o ogni altro tipo di prestazione sociale. Se hai bisogno di aiuto o per ogni altro tipo di informazioni puoi rivolgerti ai Patronati UIL e al nostro collega virtuale UILLI.

Articoli Correlati