Neet: sempre più giovani non studiano e non lavorano

Neet

“I giovani sono il futuro”: è una di quelle frasi che ascoltiamo e magari pronunciamo spessissimo. E lo facciamo credendoci; perché, in effetti, un valore fondamentale per la crescita del tessuto economico e sociale di un paese è rappresentata dalle nuove leve, da tutti coloro che possono portare idee, che potrebbero avere un approccio fresco e innovativo al mondo lavoro. Eppure, i dati restituiscono una realtà decisamente diversa e distante. Cresce, sempre più, il popolo dei Neet, formato da giovani donne e uomini che non studiano, né lavorano. Qualcuno li ha definiti “mammoni”, ma la questione è più complessa di così.

Sarebbe superficiale attribuire un’etichetta senza analizzare con perizia il fenomeno. L’Istat fornisce dei numeri che, a primo impatto, lasciano pensare esattamente questo: le ragazze e i ragazzi non diventano autonomi perché è più semplice e comodo dipendere dai genitori. Eppure, non è così. Le ragioni hanno una matrice più pragmatica: non si tratta di mera pigrizia, anzi.

Proviamo, sulla base dei dati, a comprendere cosa spinge i giovani a rinunciare agli studi e alla ricerca entusiasta di un lavoro. Come anticipato, l’Istat ha evidenziato quanto i giovani italiani siano indietro nel diventare autonomi rispetto alla media europea.

Il 2020 ha visto il 23,3% delle ragazze e dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni abbandonare gli studi e non impegnarsi nella ricerca di un impiego. Dalle indagini approntate sui Neet è emerso che molti decidono di non proseguire gli studi perché in parte sfiduciati e in parte impossibilitati a sostenere le spese che, in molti casi, un’adeguata formazione richiede.

Aggiungiamo un altro tassello: queste statistiche riguardano per la maggiore il Meridione. Sicilia, Calabria e Campania contano il tasso percentuale più elevato di giovani che non prosegue gli studi. Stesso discorso, tristemente, si replica per le ragazze e i ragazzi disoccupati.

Quanto all’occupazione, più nello specifico, dobbiamo sottolineare che se si è in possesso di più titoli accademici, le possibilità di trovare un impiego crescono. Il livello di istruzione diventa dunque l’indicatore principale delle opportunità.

A questo punto la riflessione si sposta su due canali: il primo riguarda la condizione economica in cui versano tantissime famiglie italiane. Il secondo, invece, è meno pratico: cosa manca davvero ai Neet? L’insufficienza di prospettive porta davvero all’apatia verso il futuro? Infine: quanta reale consapevolezza hanno i giovani delle proprie possibilità? Tra le altre cose, bisogna anche considerare gli effetti della pandemia che ha caratterizzato l’ultimo biennio. Si potrebbe auspicare una reazione emotiva alle criticità, ma i supporti pratici non devono e non possono mancare.

 

Redazione TERZO MILLENNIO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su tumblr
Condividi su skype
Condividi su email
Condividi su print