7 FEBBRAIO: GIORNATA MONDIALE CONTRO IL CYBERBULLISMO

A teen student boy and cellphone, he obsessed with online game, social media or gambling which cause his mental and health problem. Internet technology, Smartphone addiction or nomophobia concept.

Oggi è la giornata mondiale contro il cyberbullismo, insieme al bullismo uno tra i principali rischi percepiti dagli adolescenti. Fenomeno aumentato in maniera sproporzionale di pari passo con il tempo che i ragazzi passano online a causa dell’isolamento per il Covid e la DAD.

Ma sappiamo davvero di cosa si tratta, come si manifesta e chi colpisce in particolar modo?

Il Cyberbullismo è una forma di bullismo che colpisce le persone ritenute più deboli attraverso l’uso delle nuove tecnologie informatiche: social network, giochi online, conversazioni via chat e forum.

Derisioni, insulti e offese possono arrivare in milioni di modi diversi: condivisioni di foto o video imbarazzanti fatte alla vittima (spesso modificati con l’ausilio di programmi), la diffusione di messaggi offensivi per danneggiare la reputazione, denigrazioni continue e minacciose per incutere timore o vergogna e ancora la diffusione in rete di informazioni personali o confidenziali delle vittime o semplicemente di falsi pettegolezzi.

Il problema è che il cyberbullismo, a differenza del bullismo, ha un pubblico enorme e può essere praticato anche da persone anonime in piena libertà, da ogni parte del mondo e può agire in qualsiasi ora della giornata. Se il cyberbullismo avviene via chat o tramite un account falso è difficile tracciare il colpevole. Purtroppo, questo fenomeno è in larghissima espansione ed è veramente frequente e difficile da fermare. Una conversazione, una chat può essere messa online in brevissimo tempo e allo stesso modo anche una foto rubata o una confidenza.

Più del 50% dei ragazzi tra gli 11 e 17 anni sono vittime di cyberbullismo, soprattutto le ragazze. A tal proposito, una parentesi va aperta su una delle tipologie di cyberbullismo più diffusa: il body shaming. Criticare l’aspetto estetico è all’ordine del giorno e questo soprattutto in ragazze giovani ha portato a un aumento incontrollato di disturbi alimentari.

Ma il cyberbullismo, in generale, ha sempre delle conseguenze psicofisiche che vanno dalla depressione, al mal di testa ai dolori allo stomaco e che si manifestano con mancanza di appetito o disturbi del sonno. Coloro che hanno sperimentato episodi di cyberbullismo hanno maggiori probabilità di sviluppare difficoltà relazionali, di sentirsi depressi, soli, ansiosi, di avere scarsa autostima o sperimentare pensieri suicidi. Infatti, la vergogna del soggetto preso di mira ha il sopravvento con conseguenze a volte anche fatali.

L’unica nota positiva è che le nuove generazioni sono molto consapevoli dei pericoli del web e prestano maggiore attenzione a divulgare informazioni personali. Secondo alcuni studi, a preoccuparli maggiormente è proprio il rischio di cyberbullismo, seguito da “revenge porn” e furto di identità e stalking.

Tuttavia, le famiglie e le scuole devono continuare a informare i ragazzi dei rischi del Web per cercare di ridurre il più possibile questo fenomeno. I ragazzi devono ricevere regole per usare la rete e le famiglie devono dare delle limitazioni su tempi e modalità dell’online.  Inoltre, occorre rafforzare i percorsi di sensibilizzazione sul tema, sul quale serve, oltre all’impegno delle famiglie e delle scuole, una diffusione pervasiva di una cultura di tutela dei rischi legati al mondo social.

È di primaria importanza proteggere e mettere al centro i minori, soprattutto dopo le enormi ripercussioni che ha avuto la pandemia sulle loro vite. (Ne abbiamo parlato qui).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su tumblr
Condividi su skype
Condividi su email
Condividi su print