COVID, TEATRO E SOCIAL. UNA CHIACCHIERATA CON L’ARTISTA UCCIO DE SANTIS

WhatsApp-Image-2021-12-14-at-14.33.23-phi6peewdf4gfrpm2sy1nbg6ivn3v40r4tbxyn44ts

Il Covid è stato un difficilissimo banco di prova per tutti gli artisti. Le lavoratrici e i lavoratori dello spettacolo, chi più, chi meno, hanno subìto un colpo non indifferente. Teatri e cinema chiusi, produzioni ferme, tournée rimandate.
C’è chi è riuscito a superare il momento più critico e chi, invece, non ha potuto continuare a fare il suo mestiere.
Ne abbiamo parlato con l’artista Uccio De Santis. Attore, comico, cabarettista seguitissimo sui social che ci ha raccontato il periodo del Covid dal suo punto di vista. Un artista che vive di pubblico e che, improvvisamente, ha dovuto affrontare un momento di stop. I social, per lui già seguitissimo, sono stati una valvola di sfogo per la creatività e la sua particolarissima quando importante arte sottile: quella di far ridere.
Niente, però, sostituisce il calore e l’energia del contatto con il pubblico. Quello che si spera di riavere al più presto, come prima.
Tra le righe di questa chiacchierata, anche un messaggio di grande valore: non arrendersi mai, ripartendo sempre da se stessi, dal proprio lavoro, dalla fiducia nel futuro.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su tumblr
Condividi su skype
Condividi su email
Condividi su print