Cop26, cosa chiedono i giovani per l’ambiente

People with placards and posters on a global strike for climate change.

Il binomio giovani e ambiente si rafforza sempre più. Nel corso degli ultimi anni, l’ambiente è tra gli interessi (e le preoccupazioni!) principali degli under 35. Gli adolescenti italiani si dimostrano sempre più sensibili ai temi che riguardano la sostenibilità, il rispetto e la difesa dell’ambiente. Sono ormai numerosi i gruppi di giovani ambientalisti che si battono contro il cambiamento climatico e si impegnano attivamente per sensibilizzare, costruire e cambiare i modelli e le abitudini dannose per l’ambiente. Sostenibilità, ecologia, cultura alimentare contro gli sprechi. Sono alcuni degli obiettivi che i giovani attivisti condividono.

Non è un caso che negli ultimi anni il FridayForFuture sia diventata una delle giornate più intense e partecipate. Milioni di ragazzi in tutto il mondo rappresentano il proprio disagio ai potenti della terra.

E per la prima volta, nell’ambito dei lavori della Cop 26, in Scozia, una giornata intera è stata dedicata al dialogo con le nuove generazioni.

La delegazione “Youth4Climate” ha partecipato attivamente alle discussioni della conferenza Onu Cop26 sul clima. 400 ragazzi sotto i trent’anni, di ogni nazionalità, hanno presentato ai leader mondiali il documento messo a punto al Summit Youth4Climate. Il risultato del lavoro della Pre-Cop 26 a Milano. Proposte concrete che affrontano le tematiche più urgenti da affrontare per arginare l’impatto ambientale dell’influenza umana sull’ambiente, soprattutto in ambito produttivo. Quattro i pilastri delle richieste dei giovani alla Cop 26: condivisione, educazione ambientale, sensibilizzazione, comunicazione.

La condivisione delle informazioni e delle soluzioni per il clima attraverso piattaforme, promuovendo la partecipazione ad alti livelli, è uno degli elementi chiave.

I giovani vogliono essere ascoltati e vogliono partecipare alle discussioni globali sui temi dell’ambiente e della sostenibilità. 

Fondamentale, poi,  è l’educazione completa e universale sui cambiamenti climatici. La conoscenza è il motore del cambiamento e gli under 30 lo sanno forse meglio degli adulti. Ed è per questo che gli altri due pilastri, sensibilizzare e comunicare (bene) l’argomento sono strettamente connessi al concetto di cultura diffusa e traversale su questi temi.

Cambiare gli stili di vita, essere attenti alle news, riempire i social di informazioni e storie dei rifugiati climatici per rendere sempre più concreto il tema ambientale. Comunicare la crisi climatica con serietà e trasparenza, focalizzandosi sui progressi della ricerca scientifica e semplificando la narrazione politica.

Sono obiettivi semplici eppure difficilissimi da raggiungere. L’idea di fondo lanciata dai giovani nella PreCop 26 e discussa, poi, in questi giorni in Scozia, è quella di far uscire i temi ambientali dalla nicchia, perché diventino di tutti.

L’arte, l’istruzione, i social media, il giornalismo, la letteratura, il cinema, sono strumenti per portare la questione “green” nelle case di tutto il mondo, perché nasca un movimento naturale e intimo in ogni persona in grado di attivare la leva del cambiamento.

Sicuramente la visione giovanile delle questioni ambientali si nutre del desiderio ancestrale di un mondo e un futuro migliore. Ma quando l’energia, la passione e l’entusiasmo riescono a sedersi al tavolo mondiale più importante, con i più potenti del pianeta, forse si è sulla strada giusta.

Di contro, fuori dai palazzi, tanti attivisti stanno criticando fortemente le discussioni in corso, la metodologia, il sistema intero. Non è un male. Anzi. È il segno di una ribellione pura, motore concreto verso il cambiamento.

La Uil ha sempre sostenuto l’impegno dei giovani sulle questioni e tematiche ambientali, condividendo l’impegno per una giusta transizione. Garantire il lavoro, la tutela dell’ambiente, del clima e della salute sono obiettivi condivisi, sui quali il sindacato italiano, europeo e internazionale è presente e protagonista.

 

Parliamone insieme! Iscriviti anche tu alla piattaforma TERZO MILLENNIO.

 

Maria A. Lerario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su tumblr
Condividi su skype
Condividi su email
Condividi su print